Viaggio nel mondo degli illustratori

Voglio condividere con te la mia passione per le illustrazioni
presentandoti a mio modo alcuni tra i miei autori preferiti,
e quelli che scopro ogni tanto, per ricerca, o per destino.
John

Olimpia Zagnoli

OZ

Allora, adesso veramente non si scherza, cioè, oggi mi metto seduta e ti parlo di questa artista nata nell’84 che vanta collaborazioni con brand e riviste di caratura planetaria, e se ne va in giro coi capelli scarruffati e gli occhialoni, come se non si rendesse conto di quel che è, e della rabbia che mi fa. Ecco!
Ma gastrite a parte, la OZ, come ama nominarsi, ma non firmare le sue opere che comunque portano il nome per esteso, ne fa di ogni, perché lo sai anche te che una col cervellone poi deve sperimentare, mettersi alla prova, mismecciare, OZare…..sicchè le illustrazioni, si si per carità, ma diciamo che si è divertita anche a creare “icone” per le “app” del New York Times, o anche fare la regia di video musicali. Pensa te!
E’ vero, c’ha il vantaggio. La OZ, mi nasce col vantaggio di provenire da una famiglia di artisti, ma il talento non è una culla che si passa magari di generazione in generazione. Ha avuto la fortuna di avere gli strumenti, di poter avere un punto di osservazione privilegiato, ma poi ha fatto da sé, con lo studio, l’impegno, la volontà, le magliette a righe.
Parte delle sue opere le allego qui, e ti sarà facile fare una ricerca per cercarne delle altre. Ma io, come faccio un po’ con tutti gli artisti che ti presento in questa “rubrica”, preferisco analizzare “la persona” più che il personaggio. E lei mi incanta.
Olimpia (che poi è un nome che adoro) ha carattere. Ha quel carisma che non ha sesso. La qualità che non ha genere, è un valore aggiunto e basta. Se ti soffermi ad ascoltarla nelle sue interviste ti trasmette la calma del sapere e la smania della creatività che corre velocissima. La tranquillità di chi sa esattamente di cosa sta parlando, di dove vuole andare, con la sua arte.
E cioè ovunque.