Viaggio nel mondo degli illustratori

Voglio condividere con te la mia passione per le illustrazioni
presentandoti a mio modo alcuni tra i miei autori preferiti,
e quelli che scopro ogni tanto, per ricerca, o per destino.
John

Susy Lee

L’ONDA OMBRA E MIRROR

Il mio amore per Suzy Lee nasce dalla concomitanza di tre fattori che ora vi elenco:

1 . Innanzitutto la sua scelta di puntare, vincendo, su una soluzione non sempre facile come quella di un SILENT BOOK (albo di sole illustrazioni senza alcun testo) come L’ONDA che spinge alla continua e libera interpretazione delle immagini. Libro bellissimo, che evita anche al genitore di dover leggere il testo ma spinge il bambino ad una maggiore concentrazione sui disegni così che possano suggerirgli la descrizione di quel che accade o accadrà.

2. La capacità fotonica che ha lei di rendere le espressioni e il MOVIMENTO in pochissime linee, in strascicati tratteggi. I suoi personaggi per lo più femminucce nelle quali traspone la leggerezza della sua infanzia e delle loro gonnelle in movimento, sono intenti in atteggiamenti di gioco, di curiosità, di azione, nei quali tutti troviamo facile identificazione. Schizzi dai quali dissotterrare un ricordo della nostra personale infanzia, che vengono fuori da sé. Giochi con le ombre, con le onde, con il vento, con il nulla, solo utilizzando la forza centrifuga del tratto. Linee.

3. Infine… L’attenzione per il concetto di LIMITE che viene stravolto, intanto dal punto di vista compositivo, tanto che, a proposito di L’ONDA, un editore raccolse un po’ di coraggio e le disse una roba tipo: “Susi, sto libro è bellassai ma fammi capì che è successo, perché non mi tornano i disegni….e le pagine, le hanno per caso accoppiate male?...un errore di stampa?” E lei deve aver fatto uno dei suoi flemmatici sorrisi coreani per rispondergli: “Ma de che? Allora non tu hai capito nulla, è proprio così….ho fatto una cosa che prima era bandita per via che pareva scomposta, ho ridefinito i canoni della centralità, ho spinto lo sguardo verso nuove angolazioni e lì ho posto il tratto, sainasegatè che pensi solo al porco soldo” Vabbè magari non gli avrà risposto proprio così, ma il concetto resta quello, la rivoluzione è stata esattamente quella. E si condensa in una meravigliosa trilogia: L’Onda, Ombra e Mirror.

© I contenuti del blog non possono essere interamente ripubblicati previo mio consenso. E’ possibile una pubblicazione parziale a patto che venga citata la fonte e l’autore.

1000 Caratteri rimanenti